Vai ai contenuti

I Coloni di Catan

NEWS > Ludoteca
I coloni di Catan
Sviluppo e contrattazione. Sono le parole chiave, assieme a “tavoliere modulare”, di quello che io considero il più importante gioco in scatola degli ultimi decenni, I coloni di Catan. Ideato da Klaus Teuber, edito da Kosmos nel 1995 e distribuito in Italia da Giochi Uniti. Catan ha segnato una vera svolta generazionale, di cui tutti gli autori hanno dovuto tenere conto e ha ottenuto un grandissimo successo, grazie alla perfetta miscela tra strategia e fortuna e a un elevato grado di interazione fra i giocatori.
I giocatori stanno colonizzando l’isola di Catan e il loro scopo è raccogliere le materie prime che l’isola offre per costruire nuove strade, colonie e città. La prima e peculiare caratteristica è la frammentazione del tavoliere. L’isola è infatti composta da una ventina di tessere esagonali che rappresentano diversi tipi di paesaggio e che vengono assemblate in modo sempre diverso di partita in partita. I diversi paesaggi corrispondono a diverse materie prime, che vengono prodotte e assegnate ai giocatori con un interessante meccanismo numerico. Se si possiedono le giuste combinazioni di materie prime è possibile costruire nuovi insediamenti aumentando così la rendita nei turni successivi; è anche possibile scambiarsi materie prime tra giocatori per procurarsi quelle che mancano e queste fasi di contrattazione arricchiscono il gioco senza appesantirlo.
La variabilità del campo di gioco produce una estrema varietà di situazioni e conseguentemente bisogna adottare la strategia di gioco più opportuna. È meglio trasformare subito le colonie in città o conviene costruire strade e fondare nuove colonie? È meglio fare scambi svantaggiosi pur di costruire subito o aspettare, con tutti i rischi che ciò comporta? A Catan non esiste cioè un’unica strategia, ma il segreto per vincere sta proprio nella capacità di adattare la propria condotta alle situazioni sempre diverse che si vengono a creare.
Esistono molte espansioni del gioco base (Marinai che con permette di creare scenari costituiti da più isole separate, Città & Cavalieri, che però appesantisce il gioco rendendolo più complicato… ), la verione junior, il gioco di carte per 2, le versioni spaziali Astropionieri e Star Trek o quelle ambientate nel passato europeo e americano.

Torna ai contenuti