Vai ai contenuti

Fortuna vs Abilità

ARCHIVIO > articoli
Il processo (e le tribolazioni) del Promotore dell'Oregon Ted Barr

Da Backgammon Times, Volume 2, Numero 2, Primavera 1982.

Nel caso ve lo siate perso, una delle più grandi partite di backgammon è stata giocata a Portland, Oregon, a febbraio. Il cappello nero era quello dello Stato dell'Oregon, che sosteneva che il backgammon è un gioco d'azzardo e quindi soggetto alle severe leggi dell'Oregon sul gioco d'azzardo. Il cappello bianco era quello di Ted Barr, proprietario del Zemby's Backgammon Club e di un negozio di giochi al dettaglio, The Game Gallery, editorialista, e direttore di tornei di backgammon in tutta Washington e Oregon.

Barr ha insistito che il backgammon è prevalentemente abilità e quindi, come gli scacchi, le freccette e il biliardo, non è soggetto a regolamentazione secondo gli statuti del gioco d'azzardo o le ordinanze cittadine. Alla fine dei tre giorni di processo il punteggio era Backgammon 1-Stato 0.

Il caso, Stato dell'Oregon contro Barr, nacque dal più grande torneo di backgammon del nord-ovest, il Portland Marriott Open tenutosi al Marriott Hotel nel marzo del 1981. Il torneo era sponsorizzato da The Gammon Gallery e sanzionato dalla Pacific Northwest Backgammon Association. Ted Barr e soci di Seattle erano i direttori.

Barr aveva condotto lo stesso torneo in un grande hotel resort, Salishan Lodge, sulla costa dell'Oregon nei due anni precedenti. Decise di spostare l'evento a Portland nel 1981 perché il suo socio di Portland, Dick Scofield, aveva organizzato tornei settimanali al Gambits Lounge del Marriott per diversi mesi. Sentiva anche che il torneo avrebbe avuto un'influenza ancora maggiore in un'area più metropolitana e più accessibile alle persone provenienti da altre città.

Il torneo fu un successo e si svolse senza intoppi appena prima della finale, ma mentre Barr e la sua famiglia stavano lasciando l'hotel, fu affrontato da due agenti di polizia sotto copertura della buoncostume di Portland. Lo hanno posto in arresto. Sembra che tre detective sotto copertura avessero partecipato al torneo.
Barr è stato citato per aver promosso il gioco d'azzardo in secondo grado per aver organizzato un torneo di backgammon ("un gioco d'azzardo") con una quota d'iscrizione e premi. È stato anche accusato di aver permesso che il bookmaking avesse luogo durante l'evento.

Un importante giocatore di backgammon del nord-ovest, Richard Packard, è stato anche arrestato per aver promosso il gioco d'azzardo; aveva fatto scommesse collaterali sul risultato di partite in cui non stava giocando. Anche altri due partecipanti al torneo sono stati citati per aver fatto scommesse con Packard.

La polizia ha permesso che l'evento finisse e che i premi fossero pagati. Barr chiamò Gary Rhoades, un avvocato per il quale aveva lavorato a Portland mentre frequentava la scuola di legge. Entrambi sentivano che l'intera faccenda si sarebbe sgonfiata. Ma i giornali di Portland fecero ciascuno una storia il giorno dopo e presto la storia trovò la sua strada nei giornali della zona di Seattle e nelle stazioni televisive.

"Improvvisamente ero la notizia", ha detto Barr. "Le diverse immagini che i media possono ritrarre degli stessi fatti sono spaventose. Sono stato etichettato come l'uomo d'affari locale-avvocato che gestisce un torneo di backgammon per famiglie, o lo zar del backgammon del nord-ovest che estende i suoi tentacoli operativi".

Barr e Rhoades si aspettavano che Packard e i due concorrenti citati per aver scommesso con lui si dichiarassero colpevoli; il procuratore, pensavano, sarebbe stato contento di tre condanne e non avrebbe archiviato il caso contro Barr.

Questo non è successo; gli altri imputati si sono dichiarati colpevoli, ma il procuratore non ha lasciato perdere Barr; è stato accusato di entrambi i capi d'accusa.

Barr decise che era un'opportunità ideale per un caso di prova. Anche se gli statuti di Washington e dell'Oregon relativi ai giochi d'azzardo sono identici, le sanzioni per farlo non lo sono. Una violazione del gioco d'azzardo di questo tipo in Oregon è un reato minore, ma un crimine a Washington. Per testare la questione, l'Oregon era il posto giusto.

Dopo aver rifiutato l'offerta di patteggiamento del procuratore, Rhoades e Barr contattarono Marshall Amiton, un compagno di classe di Rhoades e un esperto di diritto penale. Amiton era entusiasta del caso. Era interessato alle controversie sul gioco d'azzardo e pensava che Barr avesse ragione.

Il 19 maggio, Amiton ha presentato una mozione per respingere il caso sulla base del fatto che la denuncia del procuratore non era definita e certa perché raggruppava le due accuse. Indipendentemente dal risultato, Amiton ha ragionato, non sarebbe stato certo quale questione fosse decisa, il backgammon come gioco di abilità o le scommesse collaterali.

"Questo è importante per noi", ha detto Barr. "Se avessimo vinto volevamo essere in grado di usare il caso come precedente. Se avessimo perso volevamo sapere quale questione stavamo appellando".

Il 4 giugno, il giudice Donald Londer ha concesso la mozione dell'imputato e ha respinto la denuncia. Allo Stato vennero dati trenta giorni per ripresentare il ricorso o passare. Il trentesimo giorno il procuratore ha ripresentato il ricorso.

Il 3 agosto, Barr ha presentato una mozione di archiviazione sulla base di un'accusa discriminatoria. Questa azione si basava su due fattori: (1) I tornei condotti a Portland da altri direttori di torneo erano stati autorizzati ad operare senza l'intervento della polizia sia prima che dopo la retata del Marriott. (2) Né l'hotel né lo sponsor dell'evento sono stati citati - solo il direttore assunto per gestire l'evento.

La testimonianza al processo rivelò in seguito che un direttore di torneo rivale a Portland aveva portato il torneo Marriott all'attenzione della polizia di Portland. Il direttore del torneo, infatti, aveva passato diverse ore ad istruire gli agenti di polizia su come giocare a backgammon e su come individuare le scommesse nei tornei di backgammon.

Poco dopo la mozione d'accusa discriminatoria, tutto il backgammon organizzato a Portland si fermò e rimase tale per sette mesi in attesa dell'esito del processo.

Il 27 ottobre, Amiton e Barr discussero e persero la mozione di archiviazione davanti al giudice Casciato e il processo fu finalmente fissato per gennaio.

A questo punto è sorto un grosso problema. "Volevamo davvero continuare con il caso", ha ricordato Barr, "ma il costo era diventato proibitivo. Sembrava un peccato arrivare fino a questo punto e poi insaccarlo".

Barr decise allora di fermare il caso e dichiararsi colpevole. A questo punto, però, il procuratore aveva cambiato la sua offerta di patteggiamento non solo con una multa di 500 dollari, ma anche con la libertà vigilata per un anno di prigione e la stipula che Barr non avrebbe potuto organizzare tornei di backgammon da nessuna parte se fossero stati assegnati premi in denaro.

Prima di prendere la sua decisione finale, Barr ha ricevuto una telefonata casuale da Kate Wattson dell'American Backgammon Championships di New York. Kate aveva seguito il caso e, dopo che Barr l'aveva informata della situazione, lo incoraggiò ad andare avanti. Ha promesso di coprire la metà delle spese aggiuntive del processo e di cercare di arruolare l'aiuto di Paul Magriel, ex campione del mondo e principale autorità sul gioco, e di suo marito Henry Wattson, direttore del torneo del World Amateur Championships, come testimoni esperti.

Kate ha deciso di farsi coinvolgere per diverse ragioni: "Sembrava un peccato che Ted non potesse finire un caso in cui aveva investito così tanto tempo, impegno e denaro. Inoltre credevo, come Ted, che questa questione dovesse essere risolta e che un precedente giudiziario favorevole potesse davvero aiutare il backgammon ovunque. Sembrava essere nella posizione migliore per vincere la causa, dati i fatti, il suo background legale, ecc., ma non mi sembrava giusto che dovesse sostenere da solo l'onere finanziario per vincere una causa che potenzialmente poteva essere positiva per il backgammon e per tutti noi interessati al gioco".

Kate mandò un assegno e reclutò Paul e Henry per andare a Portland a dare una mano. Ted disse al procuratore cosa fare con la sua offerta di patteggiamento e presentò una petizione per riprogrammare il processo a febbraio poiché Magriel sarebbe stato a Nassau nella data del processo di gennaio. Il palcoscenico era ora pronto per quella che potrebbe essere la partita più importante del backgammon, lo Stato dell'Oregon contro Barr.

Barr e i suoi avvocati decisero di rinunciare a una giuria. "Quando una giuria emette un verdetto su un caso, con poche eccezioni, può essere solo colpevole o non colpevole", ha spiegato Amiton. "Un giudice, invece, è libero di commentare la logica della sua decisione. Speravamo di ottenere un verdetto che affrontasse direttamente la questione principale. Non volevamo solo ottenere un'assoluzione, volevamo che l'assoluzione si basasse sul fatto che la corte trovasse che il backgammon è un gioco di abilità, non di fortuna. Un giudice può dirlo. Una giuria no".

Lo Stato ha aperto il suo caso interrogando i tre agenti di polizia che avevano partecipato al torneo e sotto copertura nella divisione dei principianti. La loro opinione era che il backgammon è un gioco d'azzardo. Hanno testimoniato che le quote di iscrizione sono state raccolte al torneo, il gioco è stato giocato e i premi sono stati assegnati. Hanno concluso che il torneo era un'attività di gioco illegale.

Durante l'esame incrociato, Amiton ha stabilito che tutti e tre gli ufficiali, anche se i membri della squadra di vizio che avevano fatto gli arresti di gioco prima, avevano poca esperienza con backgammon. Infatti, nessuno aveva mai giocato al gioco fino ad una settimana prima del torneo (un concorrente di Barr aveva dato loro istruzioni). Amiton sostenne che giocare tre o quattro partite difficilmente li qualificava per determinare se il backgammon è un gioco di abilità o di fortuna.

Il testimone finale dello Stato era il dottor Roger Nelson, capo del Dipartimento di Matematica e professore di probabilità al Lewis and Clark College in Oregon. Il Dr. Nelson ha testimoniato che, sebbene abbia giocato a backgammon solo per due settimane (ha imparato da The Backgammon Book di Jacoby e Crawford), è un esperto di probabilità e teoria dei giochi. Il dottor Nelson ha dimostrato alla corte come si gioca.

Nelson ha testimoniato che ci sono effettivamente due mosse per ogni turno nel backgammon. La prima, una mossa casuale, è il lancio dei dadi; la seconda è una mossa personale che un giocatore fa in base al suo lancio. Secondo Nelson, la conoscenza e l'esperienza di fondo di un giocatore non potevano superare l'impatto tremendo che la "mossa casuale" aveva sul risultato del gioco.

In risposta alle domande di Amiton, Nelson ha testimoniato che il comportamento a lungo termine (come 100 lanci di una moneta) è più facile e più accurato da prevedere che a breve termine (1 lancio di una moneta). Amiton ha chiesto se il risultato di una serie di giochi (partita di torneo) sarebbe più prevedibile e aumenterebbe il fattore di abilità rispetto a una singola partita. Nelson ha ammesso che lo sarebbe.

Amiton ha spostato per un giudizio di assoluzione per due motivi. In primo luogo, lo Stato non è riuscito a dimostrare che il backgammon, specialmente in un formato da torneo, è un gioco d'azzardo. Secondo la legge dell'Oregon (lo statuto è identico a Washington e New York), perché un'attività sia un gioco d'azzardo, la fortuna deve materialmente influenzare il risultato. Dal momento che lo Stato non ha dimostrato questo, Amiton ha sostenuto che il backgammon non è un gioco d'azzardo e quindi non è soggetto alle restrizioni del gioco d'azzardo.

In secondo luogo, anche se la corte trovasse il backgammon un gioco d'azzardo, perché sia illegale deve essere rischiato qualcosa di valore. Lo Stato ha sostenuto che la quota d'iscrizione è una scommessa o qualcosa di valore rischiato. Ma un certo numero di casi in Oregon e altrove hanno deciso che una tassa d'iscrizione non è una "scommessa" ma solo un "premio" pagato per l'opportunità di competere. In confronto, in una situazione di scommessa tutto ciò che è noto è l'evento da cui dipende la vincita e l'importo da pagare; quale delle due parti nella transazione sarà il "pagatore" e quale il "beneficiario" non è noto fino a quando l'evento è finito. Un torneo, ovviamente, funziona diversamente.

Per quanto riguarda il secondo capo d'accusa, Amiton ha sostenuto che non ci sono prove che indichino che sia stato fatto qualcosa di diverso dalle scommesse sociali. Le scommesse sociali non sono illegali in Oregon.

Negata una sentenza di assoluzione, la difesa ha aperto il suo caso con la testimonianza di diversi giocatori di tornei della zona di Portland. Sandra Warren ha raccontato i consigli contrastanti che aveva ricevuto dalla polizia sulla legalità del backgammon. Jerry Himes, un partecipante al torneo, ha dichiarato di non aver visto scommesse laterali durante il torneo.

L'avvocato di Barr chiamò poi Henry Wattson. Dopo aver identificato Wattson come il direttore del più grande torneo amatoriale di backgammon del mondo ed esperto di formati di torneo, Amiton chiese a Wattson di descrivere il tipico giocatore da torneo e il modo in cui i tornei sono condotti per minimizzare la fortuna e massimizzare l'abilità.

L'obiettivo di Amiton era di dimostrare alla corte che il tipico giocatore è uno stratega ben istruito e molto abile e non il "tipo del giocatore professionista". Ha anche cercato di illustrare con quanta cura i tornei sono organizzati e gestiti per minimizzare il ruolo della fortuna nel risultato.

Wattson ha iniziato come l'incubo di un avvocato della difesa. Agli avvocati della difesa piace che i loro testimoni siano brevi, limitando idealmente la loro risposta a "sì" o "no". Meno si dice, meno l'opposizione ha da sparare. Wattson è stato tutt'altro che breve.

"L'uomo è un'enciclopedia ambulante quando si tratta di backgammon", ha detto Amiton. "È così pieno di conoscenze sul gioco, l'industria, la sua evoluzione e i suoi ins e outs come business. Il suo amore e il suo entusiasmo per il gioco sgorgano da lui".

Quello che avrebbe potuto essere l'incubo di un avvocato difensore si è rivelato un sogno. Wattson era sincero, interessante, coinvolto e preoccupato per il gioco; questo si rifletteva su tutti in aula. Solo Amiton era preoccupato di come Wattson avrebbe retto all'esame incrociato del vice procuratore distrettuale della contea di Multnomah Steven S. Rickles.

"Henry era davvero freddo sotto il fuoco", ha detto Barr. "Si poteva vedere con quanta attenzione si concentrava quando rispondeva alle domande di Rickles".

Prima di congedare Wattson, Amiton lo invitò a identificare una videocassetta inedita della partita finale del Campionato del Mondo Dilettanti del 1979. Il nastro è stato inserito come prova in modo che il giudice potesse farsi un'idea di come fosse un torneo. Paul Magriel aveva chiamato la partita durante il campionato del 1979. Dopo averlo ammesso come prova, il giudice passò più di due ore ad osservare la partita. Certo, alcuni commenti di Magriel nella voce fuori campo ("Che tiro. Non posso credere che abbia tirato un colpo del genere") suonavano un po' sospetti. Ma il suo commento ha sottolineato soprattutto la competenza e la tecnica dimostrata dai giocatori.

La difesa ha conservato il suo miglior testimone per ultimo: Paul Magriel.

A causa del suo impegno nel backgammon e del suo interesse in questo caso in particolare, Magriel aveva viaggiato attraverso gli Stati Uniti per apparire come testimone esperto al processo.

Quando il procuratore vide per la prima volta il nome di Magriel sulla lista dei testimoni di Barr pensò che fosse un bluff. Quando Barr ha chiesto un rinvio del processo a gennaio per ospitare Magriel che suonava a Nassau, ha pensato "più manovra". Ma quando ha saputo che Magriel era effettivamente a Portland per testimoniare per Ted Barr, non solo era sorpreso, ma infastidito.

Anche altri erano colpiti. L'aula era gremita venerdì pomeriggio di spettatori che aspettavano di vedere e sentire X-22. Ogni procuratore e avvocato del tribunale che giocava a backgammon era lì per guardare. Alcuni portavano persino copie del Backgammon di Magriel nella speranza di ottenere un autografo sulla copertina. Persino il procuratore in persona entrava e usciva dall'aula per ascoltare la testimonianza di Magriel.

Non si trattava di New York e nemmeno di Los Angeles; era Portland, Oregon. La questione non era una partita di poker o un tiro al bersaglio, ma se diversi milioni di americani sarebbero stati in grado di giocare al gioco più popolare del mondo in un formato da torneo per soldi. E questo non era un qualche esperto locale; era quel Paul Magriel che era venuto fino a Boston per testimoniare a nome di un amico, un amico che aveva anche fatto qualcosa per il backgammon. Non un giocatore di backgammon, ma un avvocato-imprenditore che aveva una famiglia da mantenere, dipendenti che dipendevano da lui, e alcuni fedeli seguaci che speravano che vincesse e continuasse a promuovere il backgammon nella loro zona.

Era importante per loro. Era importante per l'imputato. Ed era importante per Magriel.

"Un testimone come Paul può sfuggirti. È così esperto della sua materia", ha detto Amiton. "Sono convinto che Paul sia un genio. E non solo quando si tratta di backgammon. Un testimone come lui può scappare e lasciarsi alle spalle te, il giudice, gli spettatori e tutti quanti".

Ma Magriel non lo fece. Era chiaro. Era succinto. Ha seguito perfettamente l'interrogatorio di Amiton. Amiton aveva lavorato con Paul per cinque ore la sera prima, preparando le sue domande e ascoltando una registrazione, che il giudice aveva permesso, della testimonianza del dottor Nelson.

"Per tutto il tempo in cui lo preparavo per la sua testimonianza nella sua stanza d'albergo, giocava a scacchi con una persona e conversava con un'altra, senza perdersi nulla di quello che gli chiedevo o gli dicevo", si è meravigliato Amiton.

Magriel non solo ha dimostrato gli aspetti tecnici del gioco, ma ha anche discusso le teorie che accompagnano il gioco.

"Come ha detto il dottor Nelson, in ogni turno c'è una mossa casuale, il lancio dei dadi, e una mossa personale. È la mossa personale, la decisione di dove muovere il proprio uomo dopo che i dadi sono stati lanciati, che è l'essenza del gioco", ha detto Magriel.

"Il lancio dei dadi non forza il tuo gioco, ma riduce semplicemente le tue opzioni. Anche dopo il lancio dei dadi si possono avere fino a trenta o più opzioni su come muovere le pedine. Il giocatore di successo sceglie costantemente la mossa migliore. La linea tra la mossa migliore e la seconda migliore è molto sottile. Tuttavia, se un giocatore sceglie costantemente la mossa migliore, mentre un altro sceglie la seconda migliore, anche su trenta, il primo giocatore vincerà sempre".

Magriel ha concluso: "Il backgammon è un gioco di enorme ricchezza, sottigliezza e profondità. Il caso non è un fattore materiale".

Una regola che un avvocato esperto segue sempre è quella di non assumere mai un testimone esperto sull'argomento dell'esperto. Potete attaccare le sue credenziali e la sua credibilità, ma dovete usare il vostro esperto per attaccare il suo argomento.

Non si può tirare di scherma con Magriel sul backgammon. Le sue credenziali sono difficili da attaccare. Ma aveva solo un punto debole, e Rickles l'ha trovato: Magriel è così noto, così ben scritto e così frequentemente citato che l'unico modo per attaccarlo è citare sue dichiarazioni che potrebbero essere interpretate in molti modi diversi.

Rickles ha fatto un lavoro eccellente, ma ogni volta Magriel è tornato indietro. Quando tutto il resto falliva, sfoderava un sorriso e osservava innocentemente: "Ho detto questo? Non credo che farei mai un'affermazione del genere. Stavo facendo il faceto".

Rickles ha citato Magriel in Sports Illustrated dicendo: "Sono sempre in guerra con la fortuna e il disordine. Cerco sempre di imporre la mia volontà sulla casualità dei dadi, su ciò che apparentemente non ha struttura".

Verso la fine, Amiton ha commentato che la testimonianza di Magriel era in contrasto con quella del dottor Nelson, il testimone esperto dell'accusa. Nelson aveva citato più volte Teoria dei giochi e del comportamento economico, un testo standard di John von Neuman e Oscar Morganstern. Magriel ha indicato che aveva familiarità con la teoria dei giochi e con il libro di von Neuman e Morganstern.

"La teoria dei giochi, tuttavia, si applica veramente ai giochi con conoscenza imperfetta, dove qualcosa è nascosto, come il poker. Il backgammon non è un gioco del genere. Tutto è di fronte a te", ha detto Magriel. "La persona che usa questa informazione perfetta nel modo più efficace vincerà".

Quando gli fu chiesto perché avesse così tanta familiarità con la fonte principale di Nelson, il libro di von Neuman e Morganstern, Paul rispose: "Ho studiato teoria dei giochi e probabilità sotto il professor Morganstern a Princeton".

Amiton concluse: "Vostro onore, la difesa ha finito".

Dopo gli argomenti di chiusura, il giudice Stephen S. Walker ha trovato l'imputato non colpevole di aver promosso il gioco d'azzardo gestendo un torneo di backgammon. Ha concluso che il backgammon è un gioco di abilità, non un gioco d'azzardo.

Questo è esattamente quello che Barr, Wattson, Magriel, Amiton, e i giocatori di backgammon di tutto il mondo volevano sentire.

Sulla questione dell'essere responsabile dei locali dove avvenivano le scommesse, Walker ha condannato Barr per una violazione tecnica - nessuna pena detentiva. Una multa di 150 dollari fu sospesa.

La reazione di Bar: "Naturalmente speravamo di vincere entrambe le cause. Sentivamo di avere ragione su entrambi, ma abbiamo vinto quello grosso, quello che volevamo davvero. Probabilmente faremo ricorso contro l'altra accusa, ma c'è tutto il tempo per prendere questa decisione".

Che effetto ha questo sul backgammon? È difficile da dire. Sicuramente migliorerà il clima del backgammon in Oregon.

Dato che gli statuti di Washington e dell'Oregon sono identici, Barr ritiene di avere una buona possibilità di convincere le autorità di gioco di Washington a riconoscere il caso, anche se non sono obbligate a farlo.
"La teoria dei giochi, tuttavia, si applica veramente ai giochi con conoscenza imperfetta, dove qualcosa è nascosto, come il poker. Il backgammon non è un gioco del genere. Tutto è di fronte a te", ha detto Magriel. "La persona che usa questa informazione perfetta nel modo più efficace vincerà".

Quando gli fu chiesto perché avesse così tanta familiarità con la fonte principale di Nelson, il libro di von Neuman e Morganstern, Paul rispose: "Ho studiato teoria dei giochi e probabilità sotto il professor Morganstern a Princeton".

Amiton concluse: "Vostro onore, la difesa ha finito".

Dopo gli argomenti di chiusura, il giudice Stephen S. Walker ha trovato l'imputato non colpevole di aver promosso il gioco d'azzardo gestendo un torneo di backgammon. Ha concluso che il backgammon è un gioco di abilità, non un gioco d'azzardo.

Questo è esattamente quello che Barr, Wattson, Magriel, Amiton, e i giocatori di backgammon di tutto il mondo volevano sentire.

Sulla questione dell'essere responsabile dei locali dove avvenivano le scommesse, Walker ha condannato Barr per una violazione tecnica - nessuna pena detentiva. Una multa di 150 dollari fu sospesa.

La reazione di Bar: "Naturalmente speravamo di vincere entrambe le cause. Sentivamo di avere ragione su entrambi, ma abbiamo vinto quello grosso, quello che volevamo davvero. Probabilmente faremo ricorso contro l'altra accusa, ma c'è tutto il tempo per prendere questa decisione".

Che effetto ha questo sul backgammon? È difficile da dire. Sicuramente migliorerà il clima del backgammon in Oregon.

Dato che gli statuti di Washington e dell'Oregon sono identici, Barr ritiene di avere una buona possibilità di convincere le autorità di gioco di Washington a riconoscere il caso, anche se non sono obbligate a farlo.
"La teoria dei giochi, tuttavia, si applica veramente ai giochi con conoscenza imperfetta, dove qualcosa è nascosto, come il poker. Il backgammon non è un gioco del genere. Tutto è di fronte a te", ha detto Magriel. "La persona che usa questa informazione perfetta nel modo più efficace vincerà".

Quando gli fu chiesto perché avesse così tanta familiarità con la fonte principale di Nelson, il libro di von Neuman e Morganstern, Paul rispose: "Ho studiato teoria dei giochi e probabilità sotto il professor Morganstern a Princeton".

Amiton concluse: "Vostro onore, la difesa ha finito".

Dopo gli argomenti di chiusura, il giudice Stephen S. Walker ha trovato l'imputato non colpevole di aver promosso il gioco d'azzardo gestendo un torneo di backgammon. Ha concluso che il backgammon è un gioco di abilità, non un gioco d'azzardo.

Questo è esattamente quello che Barr, Wattson, Magriel, Amiton, e i giocatori di backgammon di tutto il mondo volevano sentire.

Sulla questione dell'essere responsabile dei locali dove avvenivano le scommesse, Walker ha condannato Barr per una violazione tecnica - nessuna pena detentiva. Una multa di 150 dollari fu sospesa.

La reazione di Bar: "Naturalmente speravamo di vincere entrambe le cause. Sentivamo di avere ragione su entrambi, ma abbiamo vinto quello grosso, quello che volevamo davvero. Probabilmente faremo ricorso contro l'altra accusa, ma c'è tutto il tempo per prendere questa decisione".

Che effetto ha questo sul backgammon? È difficile da dire. Sicuramente migliorerà il clima del backgammon in Oregon.

Dato che gli statuti di Washington e dell'Oregon sono identici, Barr ritiene di avere una buona possibilità di convincere le autorità di gioco di Washington a riconoscere il caso, anche se non sono obbligate a farlo.

"La teoria dei giochi, tuttavia, si applica veramente ai giochi con conoscenza imperfetta, dove qualcosa è nascosto, come il poker. Il backgammon non è un gioco del genere. Tutto è di fronte a te", ha detto Magriel. "La persona che usa questa informazione perfetta nel modo più efficace vincerà".

Quando gli fu chiesto perché avesse così tanta familiarità con la fonte principale di Nelson, il libro di von Neuman e Morganstern, Paul rispose: "Ho studiato teoria dei giochi e probabilità sotto il professor Morganstern a Princeton".

Amiton concluse: "Vostro onore, la difesa ha finito".

Dopo gli argomenti di chiusura, il giudice Stephen S. Walker ha trovato l'imputato non colpevole di aver promosso il gioco d'azzardo gestendo un torneo di backgammon. Ha concluso che il backgammon è un gioco di abilità, non un gioco d'azzardo.

Questo è esattamente quello che Barr, Wattson, Magriel, Amiton, e i giocatori di backgammon di tutto il mondo volevano sentire.

Sulla questione dell'essere responsabile dei locali dove avvenivano le scommesse, Walker ha condannato Barr per una violazione tecnica - nessuna pena detentiva. Una multa di 150 dollari fu sospesa.

La reazione di Bar: "Naturalmente speravamo di vincere entrambe le cause. Sentivamo di avere ragione su entrambi, ma abbiamo vinto quello grosso, quello che volevamo davvero. Probabilmente faremo ricorso contro l'altra accusa, ma c'è tutto il tempo per prendere questa decisione".

Che effetto ha questo sul backgammon? È difficile da dire. Sicuramente migliorerà il clima del backgammon in Oregon.

Dato che gli statuti di Washington e dell'Oregon sono identici, Barr ritiene di avere una buona possibilità di convincere le autorità di gioco di Washington a riconoscere il caso, anche se non sono obbligate a farlo.

E l'effetto del caso a livello nazionale? Nessuno stato è obbligato a seguire il precedente stabilito qui. Tuttavia, è difficile da ignorare. Se un'agenzia di polizia vuole permettere un torneo di backgammon, potrebbe citare questo caso come base. Se resistono, almeno altri direttori di tornei e i loro avvocati avranno delle munizioni con cui combattere. In realtà, quanto sarà utile il caso è un'ipotesi, ma non può far male.
ASD CIRCUITO NAZIONALE BACKGAMMON - aderente ACSI - sede Via Francesco Baracca 39, 30173 Mestre (VE) - CF 94112500262 -
Torna ai contenuti