Arda Fındıkoğlu - CNB

Vai ai contenuti

Menu principale:

Arda Fındıkoğlu

new > Interviste

Arda Fındıkoğlu

Arda Fındıkoğlu è il direttore  degli eventi più prestigiosi nel mondo del Backgammon, è anche membro del consiglio di WBGF, World Backgammon Federation.


L'intervista in lingua inglese



Ciao Arda, e grazie per la tua disponibilità.


Mi fa molto piacere rispondere alle tue domande, grazie per il tuo gentilissimo invito.


1. Nel mondo del backgammon occupi il ruolo di  Organizzatore, Direttore di torneo e Giocatore. Ti chiedo di metterli in ordine di preferenza entrando nel dettaglio di ciascun ruolo.

Essere un giocatore è il mio hobby semi professionale poiché sono innamorato del gioco e della matematica analitica nascosta al suo interno. Allo stesso tempo, mi piace molto il lato sociale del gioco, incontrare nuove persone e conoscere culture diverse.
Essere un organizzatore è la mia professione, ho lavorato a grandi eventi come concerti, seminari, ecc.  da quando ero un adolescente e negli ultimi 20 anni mi guadagno da vivere. La mia più grande opportunità  nelle organizzazioni di backgammon è che posso vedere la scena anche dal punto di vista di un giocatore,  capire le loro esigenze, come si sentirebbero più a loro agio, ecc., quindi sono in grado di eseguire i miei tornei con l'obiettivo principale di offrire il  massimo conforto ai miei ospiti.
La mia più grande motivazione è osservare la soddisfazione dei giocatori miei ospiti alla fine di un evento e ascoltare i loro ringraziamenti, non può essere paragonato a nessun valore finanziario per me.
In un evento di backgammon, credo che il fattore più importante sia il sdirettore di torneo , i suoi talenti manageriali, le sue capacità di PR, l'ospitalità e ovviamente la correttezza. Ho luna mia interpretazione di tutte queste caratteristiche , e invece di delegarle a un altro individuo, preferisco mantenere la responsabilità e l'autorità come direttore dei miei eventi.
Quindi, come risposta alla tua domanda; penso di vederla così: essere un organizzatore è la mia professione a cui sono molto appassionato quindi dovrebbe essere in cima alla lista. Subito dopo viene svolgere il ruolo di  direttore,  in quanto è il mio strumento per gestire i miei eventi in un ordine perfetto secondo la mia concezione, e infine fare il giocatore perché è il mio hobby, che amo.

2. Arda Organizzatore: il torneo di Cipro ha abbattuto ogni record di presenze, ti aspettavi questo risultato? Puoi spiegare perché ha avuto questo successo.

Il mio viaggio come organizzatore di eventi di backgammon è iniziato nel 1999. Ho lasciato la mia carriera di ingegnere e ho lavorato duramente per tutti gli anni passati, con risorse molto limitate e sono stato molto fortunato ad aver attirato l'attenzione di Merit`s (il mio sponsor a Cipro del Nord) nel 2013. Lo scopo dell'azienda era creare il più grande evento di backgammon del mondo, quindi mi hanno chiesto se potevamo arrivare a quel punto. La mia risposta è stata positiva, si sono fidati di me e abbiamo fatto tutti i programmi con l'obiettivo di essere l'evento di punta della comunità mondiale del backgammon in massimo 5 anni.  Così, abbiamo iniziato la nostra avventura.
Già dal nostro primo anno sono rimasto letteralmente sbalordito dall'enorme supporto che ho ricevuto dalla comunità mondiale, abbiamo avuto una partecipazione molto più grande di quanto ci aspettassimo,  e nel nostro secondo anno, siamo stati il più grande evento del mondo.
Potete immaginare la mia soddisfazione per essere stato in grado di mantenere la parola data a Merit anche prima del previsto e in realtà lo devo ai miei preziosi compagni di tutto il mondo. Quindi, sì, ci aspettavamo e miravamo a diventare il più grande evento del mondo, tuttavia non ci aspettavamo che accadesse solo in 2 anni. Da allora, abbiamo il compito più difficile di non perdere il nostro posto in cima, cerchiamo di migliorarci ogni anno che passa.
Penso che il nostro successo del mio Merit Open dipenda da molte ragioni; ma ce ne sono 3 in cima a tutto il resto. La prima che vediamo i giocatori sicuramente non come clienti ma nostri ospiti, la seconda che so molto bene di cosa hanno bisogno i giocatori in un evento di backgammon; la terza che abbiamo una grande sinergia con lo staff di Merit, siamo 20 persone che lavorano giorno e notte con l'obiettivo di far sentire a proprio agio gli ospiti durante il loro soggiorno. E così un giocatore, quando prova una volta il  servizio di altissima qualità della Merit, vorrà sicuramente tornare.


3. Arda Direttore: quali caratteristiche deve avere un bravo direttore di torneo oltre a conoscere il regolamento.

Senso della correttezza prima di tutto. Non è facile trattare ogni individuo allo stesso modo in ogni circostanza, poiché possono esserci casi in cui sono coinvolti i tuoi amici intimi. Anche i miei più cari amici sanno a memoria che mi rapporterei sempre in base a ciò che credo sia più corretto. Anch'io posso commettere errori, ma tutti sapranno che cerco sempre di prendere la decisione più equa.
Poi arriva la trasparenza. Non mi aspetto mai che nessun giocatore si fidi ciecamente di me, ma cerco di essere molto trasparente quando dirigo un evento, fornendo spiegazioni il più dettagliate possibile, costantemente.  Sperimentando i miei metodi per anni, come risultato ho chiaramente la sensazione che la nostra comunità si fidi molto di me. Tuttavia, questo è un credito prezioso guadagnato negli anni e, ad ogni nuovo evento, faccio del mio meglio per aumentare la mia affidabilità agli occhi dei giocatori.
Il terzo è l'enfasi. I tornei sono organizzati per i giocatori e anche se posso essere definito come uno severo, tuttavia, i direttori non devono trasformarsi in dittatori, in nessun momento. Quando dirigo, cerco sempre di mettermi nei panni dei giocatori e mi chiedo come vedrei il caso dal loro punto di vista.

4. Arda Giocatore: spiega com’è entrato il backgammon nella tua vita.

Come la maggior parte dei turchi, ho imparato il gioco tradizionale "Tavla" (quasi lo stesso gioco, solo senza il cubo), da mio padre quando avevo 3-4 anni. Ricordo che non mi divertivo affatto a giocare perché non ero nemmeno in grado di contare da 1 a 10 e di solito era arrabbiato con me a causa dei miei errori di conteggio durante le nostre partite. Quando ero al liceo, ho avuto una carriera negli scacchi che non è durata a lungo perché ero solo un giocatore medio che si annoiava dopo un po'di tempo. Sono venuto a Istanbul per studiare all'università nel 1996 e un giorno, navigando sul web, ho trovato per caso un server di gioco. Lì, ho visto il backgammon che pensavo di poter giocare facilmente e quel clic ha cambiato la mia vita. Per prima cosa, ho incontrato alcuni giocatori che parlavano di probabilità,  equities , ecc. È stato molto sorprendente per me vedere che il Backgammon era un gioco serio per loro come per me, in quanto dovrebbe essere un gioco di pura fortuna. Quando giocavo a scacchi, avevamo un detto "Coloro che non sono abbastanza saggi da giocare a scacchi, giocano a backgammon".
La prima cosa che ho fatto è stata acquistare il libro "Backgammon" di Paul Magriel per capire di cosa stavano parlando. Poi Bill Robertie e altri ancora e più leggevo più mi vergognavo di aver sottovalutato il Backgammon per molti anni. Ho letto molti libri cercando di migliorare le mie capacità di gioco e inizialmente sono diventato un giocatore online.


5. La Pandemia ha interrotto la catena organizzativa, la ripresa si pone con molte incognite, quali sono le tue previsioni?

Infatti, in tutto il mondo, le nostre vite sono cambiate improvvisamente per l'effetto della pandemia dal marzo 2020,  da allora cerco di mantenere unito e interessato il gruppo giocatori attraverso eventi online che organizzo. Questo lungo periodo mi ha ricordato il valore di ciò avevamo prima, i nostri eventi live e la libertà di viaggiare, mi manca molto!
Dato che sono in contatto con persone di ogni parte del mondo, posso dire chiaramente che le cose stanno migliorando, principalmente con l'aiuto del vaccino nel mondo occidentale. Sfortunatamente, i residenti dei paesi orientali non sono così fortunati al momento. Tuttavia, mi sembra che ci stiamo avvicinando alla sua fine lentamente e tra un paio di mesi saremo in grado di sbarazzarci del Covid-19.
Mi aspetto che gli eventi live tornino lentamente entro metà estate, abbiamo già iniziato a pianificare i Campionati del mondo 2021 che si terranno a Monte Carlo alla fine di luglio. Onestamente, non vedo l'ora di essere lì e incontrare di nuovo i miei compagni dopo questa lunga pausa!


6. Nei tornei, i soldi assumono un ruolo importante. Ascoltati alcuni giovani giocatori, vorrebbero si aplicase il merito sportivo per appartenere a una categoria e non solo in base alla disponibilità economica. Cosa ne pensi?       

Da quando i software di analisi, in particolare XG, sono entrati nel gioco (sono semplici da usare), il livello di abilità dei giocatori è aumentato molto. I giocatori dell’ Oldschool non sono così entusiasti dei computer e di Internet, quindi è un risultato naturale che i giovani abbiano aumentato il loro livello più degli altri.  Allo stesso tempo, sono giovani giocatori e poiché sono alle prime fasi della loro vita lavorativa, non hanno un reddito economico adeguato da investire nel gioco.
Sento spesso dai giovani giocatori affermare che i tornei dovrebbero essere più basati sul PR e il fattore fortuna dovrebbe essere eliminato dal gioco. Tuttavia, non dimentichiamo il fatto che il Backgammon non ha forti sponsor che portano soldi nel gioco e che gli eventi si svolgono principalmente con le quote dei partecipanti. Se mettiamo il livello di abilità come criterio principale, i giocatori più anziani (e più deboli) non verrebbero più ai tornei, pertanto saremmo soddisfatti di avere un numero molto basso di partecipanti con commissioni molto basse e un valore dei premi altrettanto basso?
Penso che la soluzione sia nel gioco stesso.  I giocatori migliori vinceranno di più nel lungo periodo, ma c'è sempre la possibilità che vinca anche un giocatore più debole. Questo è in realtà un equilibrio perfetto, che mantiene tutti i livelli di abilità dei giocatori costantemente attratti dal Backgammon. Certo, possiamo avere eventi o categorie speciali, in cui i "risultati sportivi" possono essere i criteri principali, ma per me dovrebbero rimanere "speciali", poiché le categorie aperte o titoli prestigiosi come i Campionati del Mondo dovrebbero essere aperti a tutti i livelli , con una quota di iscrizione ragionevole per creare un interessante montepremi, che porterà nuovi giocatori nel gioco.

7. Il “cubo del raddoppio” rappresenta il backgammon moderno, la Turchia ha tradizioni secolari, come ha accolto questo cambiamento? Raccontaci il Backgammon in Turchia.    

Non è stato un compito facile all’inizio; come puoi immaginare, la natura umana non è così aperta a grandi cambiamenti. La tradizionale variante senza il cubo, “Tavla”, si gioca nelle terre turche da molti secoli, quasi dall'invenzione del gioco, si gioca anche per le strade, possiamo dire di avere  l'abilità nel sangue! Questo fatto è stato vantaggioso per me per attirare nuovi appassionati nei miei club poiché avevo 10 giocatori contenti di unirsi a noi e, allo stesso tempo, anche uno svantaggio perché la maggior parte dei nuovi arrivati credeva di essere letteralmente i migliori in "Tavla" e quando perdevano nel "Backgammon", incolpavano il gioco, il cubo e altri fattori come la fortuna, non accettando il successo a lungo termine che deriva principalmente dalla conoscenza e dall'abilità
Negli anni, su centinaia di persone che ho incontrato al gioco moderno, alcuni giocatori si sono adattati mentre altri hanno lasciato il gioco come risultato naturale. Oggi, dopo più di 20 anni da quando ho iniziato, partendo da zero, siamo circa 3500 giocatori moderni provenienti da 40 diverse città del paese. Abbiamo grandi tornei in città diverse ogni 20 giorni, con un campionato nazionale che si svolge in 8 città diverse contemporaneamente. E, cosa più importante, stiamo inviando delegazioni nazionali a eventi internazionali con l'obiettivo di rendere la Turchia uno dei paesi BG del mondo. Sebbene i nostri 3500 non siano niente all'interno della popolazione totale di 80 milioni in Turchia, siamo arrivati a questo punto da una sola persona che ero io, sono orgoglioso quando penso da dove abbiamo iniziato. E l'idea di avere ancora centinaia di giocatori di "Tavla" per strada che devono ancora essere convertiti in amanti del backgammon in Turchia, mi tiene ben motivato nel mio lavoro qui.

8. Parliamo ancora di te, sono organizzatore e direttore anch’io, ho considerato che i giocatori sono più collaborativi, eticamente sportivi, ritieni sia  anche un po’ merito nostro ?

Non sei solo un organizzatore e direttore, ma un gran lavoratore e di grande successo, hai tutto il mio rispetto Alfonso. Se ho capito bene la tua domanda: "se è collegato a noi organizzatori e direttori che i giocatori sono più collaborativi e sportivi nei nostri tornei"?, sì, in effetti credo che sia molto ben collegato.
È ovvio che l'aspettativa dei giocatori è di avere un buon servizio durante i tornei.  Quando ci osservano  fare del nostro meglio per raggiungere questo obiettivo: rinunciando ai nostri momenti di svago, alle ore di sonno, correndo per servirli nel miglior modo possibile e allo stesso tempo essere affidabili e giusti, anche loro iniziano a fare del loro meglio per contribuire al nostro successo, che è allo stesso tempo anche a loro vantaggio.
Nei miei eventi, la grande maggioranza dei giocatori di solito è comprensiva e disponibile. Certamente, in mezzo, ci possono essere un paio di giocatori che hanno difficoltà ad adattarsi, tuttavia quando vedono che siamo lì per accoglierli bene guadagniamo la loro fiducia e prima o poi anche loro si uniscono agli altri. Nei miei 20 anni di carriera,  solo un paio di volte non sono stato contento di un ospite. Credo che un successo organizzativo sia il risultato di una buona collaborazione tra tutte le parti coinvolte e la parte dei giocatori è probabilmente la più importante. Siamo fortunati che la nostra comunità sia principalmente così amichevole e calorosa.

9. Se ci fosse, una rivista di Backgammon saresti pubblicato in prima pagina, quale sensazione provi davanti a questa considerazione?

In primo luogo, il sentimento di puro apprezzamento e grande gratitudine. Sono sempre stato un gran lavoratore, tuttavia so a memoria che senza l'enorme sostegno internazionale della comunità mondiale, non sarei dove sono oggi. Onestamente, non ho fatto nulla di speciale per ottenere questo enorme supporto, a parte essere sempre sincero e lavorare sodo come perfezionista. Mi sento però davvero benedetto quando penso a ciò che mi viene dato dalla nostra comunità solo perché sono me stesso. La fama avvelena la nostra anima. Ho visto molte volte che le persone cambiano la loro personalità quando diventano una celebrità. Hanno iniziato a vedersi tra le nuvole e in realtà ciò ha spesso provocato una grande caduta. Ricordo costantemente a me stesso di non dimenticare da dove vengo e di non vedermi mai come una persona diversa dal giorno in cui ho iniziato la mia carriera. Per me, è un grande onore avere questa alta considerazione della comunità del backgammon e devo lavorare più duramente ogni giorno per non perdere questa benedizione.

10. Potendo scegliere tra essere il miglior organizzatore o il miglior giocatore ?

Sicuramente il miglior organizzatore. Quando sei il miglior giocatore, saresti un solitario che ha rivali nascosti, ma essendo un buon organizzatore, tutto ciò che otterrai è l'apprezzamento e il supporto della nostra comunità, questa è una grande motivazione per me. Inoltre, essere il miglior giocatore è milioni di volte più difficile che essere un buon organizzatore, quindi vado con la via più semplice
.

11. I giocatori italiani ti considerano come un amico, è il backgammon che non conosce frontiere o qualcosa di personale?

Sono molto contento di sentire che sono considerato come un amico, grazie ai miei compagni italiani! Il backgammon è un gioco super social, questo è ovvio. Ma non solo, essendo in contatto con molte culture diverse negli anni, posso commentare chiaramente che noi mediterranei non siamo così diversi tra loro, quindi immagino che questo abbia il suo effetto sul mio buon rapporto con i giocatori italiani. Devo aggiungere che, durante le mie due esperienze negli eventi della CNB, non mi sono mai sentito straniero. Vedo la tua gente così cordiale e amichevole nei miei confronti e posso facilmente commentare, che la comunità italiana è una delle mie preferite.

12. Parliamo un po’ di Wbgf in cui sei membro del comitato: fa un po’ fatica a decollare perché gli USA stanno a guardare, quale scenario futuro?

Sappiamo che il Backgammon non è riconosciuto come uno sport nella maggior parte dei paesi. WBGF (quei tempi come EUBGF) è stato formato con l'obiettivo di avere un'autorità superiore grazie alla collaborazione tra organizzatori nazionali europei come te e me, per creare consapevolezza su di noi e sul nostro gioco, allo stesso tempo, essendo più forti agire assieme. Sono stato invitato a entrare a far parte della federazione nel 2015 e da allora sono un membro del consiglio di amministrazione. Solo un paio di anni fa, abbiamo deciso di convertire il nostro status in federazione mondiale cambiando il nostro nome in WBGF, in modo da poter avere anche nazioni di backgammon non europee come USA e Giappone. Personalmente sostengo questo cambiamento e la crescita globale continua.
USBGF è la federazione più numerosa del mondo, con le proprie convinzioni, tradizioni di gioco e anche proprie regole. La buona notizia è che sono convinti di essere un prezioso membro della WBGF sin dal primo giorno in cui li abbiamo invitati. A tal fine, i negoziati sono ancora in corso, stiamo lavorando sui nostri statuti e regole con l'obiettivo di unificazione e finora abbiamo compiuto grandi progressi. Spero e mi aspetto che gli Stati Uniti si uniranno ufficialmente al nostro gruppo nei prossimi due anni.
Non è facile muovere questa figura istituzionale, quindi le cose stanno procedendo lentamente, tuttavia posso facilmente commentare che ci sono molti risvolti  positivi in corso per il bene di tutti e di noi e ci sono ancora molte cose da fare. Comunque, qualunque sia il compito; non c'è niente che non possiamo ottenere quando ci di muove assieme.
E riguardo al Campionato del Mondo a squadre, che è il principale evento annuale della WBGF, tenuto ogni anno da un diverso paese membro ... Sono stato onorato dall'assemblea generale di tenerlo a Budva, in Montenegro nel 2018, ottenendo un numero record di 26 paesi partecipanti e diverso dagli oltre  300 eventi che ho tenuto nella mia carriera fino ad ora, posso chiaramente commentare che è stata un'esperienza  unica per me come organizzatore accogliere le squadre nazionali di backgammon nella mia sede, è stato un così alto prestigio per me e credo che questo sia  il futuro del nostro gioco.
A questo punto, devo aggiungere che, dal primo momento in cui ho sentito che eri un candidato per ospitare questo evento molto speciale a Venezia il prossimo anno, hai il mio pieno sostegno. Non vedo l'ora di portare la mia squadra turca nella tua bellissima città di Venezia così possiamo goderci la tua ospitalità e organizzazione professionale, sono sicuro sarà assolutamente fantastico! Ti auguro buona fortuna anche se non ne hai bisogno.



13. Il vigente regolamento è sotto stress causa regole controverse come la legal move o i dadi sopra le pedine, molti giocatori si adeguano mentre altri s’irrigidiscono, cosa consigli a questi ultimi?


Ho la mia opinione personale su questo argomento. Attualmente non credo che dovrebbe esserci una sola regola da applicare in ogni cultura, poiché le differenze culturali influenzano direttamente la nostra comprensione del gioco.
Per esempio; la mia esperienza è; nelle culture occidentali, la regola delle mosse legali può dare risultati perfetti, allo stesso tempo, nelle culture orientali, incoraggia solo le persone a mentire, quindi non funziona davvero. Saresti sorpreso di sapere che quando sto organizzando un evento in Turchia, disattivo la regola delle "mosse legali", allo stesso tempo, se mi organizzo in un paese occidentale, lo attivo volentieri? In Russia, ad esempio, non usano affatto gli shaker, ma tutte le partite vengono giocate con lo strumento Baffle Box. Negli Stati Uniti, i dadi sulla pedina sono validi. Abbiamo tutti le nostre differenze e in realtà sono favorevole a questo fatto.
Quindi, il mio approccio alla questione delle "regole" è; invece di applicare un regolamento unico,  serve diversificare alcune regole per ogni cultura di gioco, dovremmo avere un opuscolo che definisca tutti i metodi possibili in modo ufficiale e il TD dovrebbe decidere quali metodi applicare in un evento specifico e annunciarlo in forma scritta durante la fase pubblicitaria dell'evento in modo che i giocatori sappiano dall'inizio come verrà gestito.

14. La Baffle box è una buona soluzione? La renderesti obbligatoria?


È una soluzione non solo contro possibili imbrogli, ma allo stesso tempo anche contro i dadi sopra le pedine. Tuttavia, il Backgammon ha il suo rituale di "shake and roll" nei suoi geni e in condizioni standard, non vedo che sia davvero necessario cambiarlo. Quindi, nel regolamento del mio evento, lascio i giocatori liberi di decidere da soli se vogliono tirare con un Baffle Box, tuttavia non possono costringere i loro avversari a farlo. L'eccezione è una decisione del TD, che in alcuni casi, come TD, posso imporre l'uso di un Baffle Box da entrambe le parti in una partita specifica.

15. Spero di rivederti a qualche torneo CNB in Italia, lo speri anche tu?   

Certo che lo faccio! Sono sempre stato accolto con un'altissima ospitalità negli eventi CNB + la tua gestione molto professionale mi fa sentire a mio agio e al sicuro. Ho solo bei ricordi dei miei tempi negli eventi della CNB e la tua Varenna è ancora la mia destinazione preferita. Mi manca passare del tempo insieme ai miei compagni italiani e sicuramente mi rivedrai presto nei tuoi eventi. Quando torneremo alla nostra operatività  dopo la pandemia, mi aspetto di vedere sempre più giocatori italiani nei miei eventi internazionali, ovunque li organizzi e senza dubbio saranno accolti come miei ospiti personali.


Un aneddoto personale
Beaulieu 2018, ti chiesi di far parte del Comitato, un giocatore greco intento a giocare la finale del torneo del giorno precedente scordò d'iscriversi al torneo principale per il quale era venuto. A torneo iniziato si doveva risolvere questo problema. Il tuo suggerimento fu di sospendere un match da poco iniziato inserendo il giocatore greco come late arrival.  Di questo conservo memoria, una soluzione complicata, in deroga al regolamento ma che ha salvato lo spirito e l’equilibrio nella Community del Backgammon. Chapeau!     

Ricordo il caso. Siamo stati fortunati che tutte le parti coinvolte siano state così gentili da accettare la nostra decisione senza alcuna controversia. Quando i giocatori collaborano con noi, non esiste alcun problema senza una giusta soluzione


Grazie Arda, anche in nome del CNB che rappresento.   

Grazie anche a te Alfonso! Con i miei migliori saluti a tutta la famiglia CNB e ci incontreremo presto!
Forza Italia!  

 
Torna ai contenuti | Torna al menu